SAN GIOVANNI ROTONDO: APERTE LE ISCRIZIONI

“La preghiera è la migliore arma che abbiamo; è una chiave che apre il cuore di Dio” 

(Padre Pio)

Da alcuni anni, anche San Giovanni Rotondo è diventata una delle mete privilegiate di pellegrinaggio Unitalsi.
Situata al centro del promontorio del Gargano, in Puglia, San Giovanni Rotondo è stata per lunghi anni la città dove visse San Pio da Pietrelcina, al secolo Francesco Forgione. Un luogo difficile da raggiungere, dove il pellegrinaggio si fa più sacrificio, ma che fa riscoprire la storia di un Santo venerato in tutto il mondo.
Un modestissimo convento (quello do Santa Maria delle Grazie gestito dai Frati Cappuccini) e un moderno ed efficiente ospedale, “Casa Sollievo della Sofferenza”, sono i luoghi dove San Pio ha compiuto la sua opera santificatrice e da lui stesso definita “tempio di preghiera e di scienza”.

Nato a Pietrelcina, piccolo borgo del Sannio in provincia di Benevento, il 25 maggio del 1887, all’età di sedici anni in una visione il giovane Francesco vide il suo futuro e decise di entrare nel noviziato cappuccino, assumendo il nome di Fra Pio. La sua vita fu subito segnata da un misterioso Personaggio celeste che trapassò il suo cuore con una lancia lasciandogli una ferita: fu la trasverberazione. Da lì a poco, Padre Pio si sarebbe ritrovato piagato alle mani, ai piedi e al costato, iniziando a portare nel corpo i segni visibili della Passione di Cristo, stimmate che scompariranno misteriosamente solo alla sua morte, il 23 settembre del 1968.
La notizia della stimmatizzazione si diffuse in tutta Italia e così migliaia di pellegrini salirono sul Gargano richiamati dai suoi numerosi carismi.

Dopo la sua morte, il 27 settembre 1968, venne aperta ai fedeli la cripta che ne custodiva il corpo e da allora è iniziato un pellegrinaggio ininterrotto di fedeli alla sua tomba da tutto il mondo.

san giovanni rotondo 2017