#SALUS ALLA SCOPERTA DELLA NOSTRA CASA DI LOURDES

DAL 4 AL 9 MAGGIO 2020 USCIRÀ OGNI GIORNO UNA  “PILLOLA” PER CONOSCERE IL #SALUS

A causa del Coronavirus-19 non sappiamo quando potremo tornare a Lourdes abbiamo quindi pensato di farvi conoscere meglio il Salus: la struttura  che accoglie, nella bellezza e nella gioia, i tanti pellegrini, soprattutto ammalati,  soci unitalsiani  provenienti da tutta Italia.

Salus InfirmorumNella SETTIMANA DAL 4 AL 9 MAGGIO uscirà ogni giorno una “pillola” per scoprire  questa nostra casa che è il fulcro di incontro e di condivisione per quanti arrivano nella città mariana, il luogo dove sono ospitati i disabili dei quali vogliamo comprendere  come vivono la loro permanenza a Lourdes.

Desideriamo presentare la bellissima e maestosa struttura che si  trova a pochi metri dall’ ingresso del Santuario, con una emozionante vista sul fiume Gave e sul Santuario, e che connota in termini di bellezza, efficienza ed efficacia l’accoglienza de pellegrinaggi unitalsiani

Crediamo sia un’occasione preziosa per far conoscere il servizio che i  volontari svolgono nella speranza che possano maturare il desiderio di vivere un’esperienza di servizio e di accoglienza, come soci volontari.

 

 

 

UNA MARATONA DI PREGHIERA DEL SANTO ROSARIO DELLA BEATA VERGINE MARIA

In questo tempo di pandemia COVID-19, di emergenza socio sanitaria nazionale ed umanitaria e di una conseguente, obbligata e necessaria deprivazione degli spazi di incontro e di aggregazione, di crescita e di maturazione educativa, emotiva, relazionale, culturale, spirituale ecclesiale ed associativa, l’UNITALSI EMILIA ROMAGNA è comunque presente ed in prima linea sempre e sceglie in particolare di mettere in campo l’arma e la medicina migliore e più potente, di cui dispone in assoluto e senza eguali: la PREGHIERA DEL SANTO ROSARIO DELLA BEATA VERGINE MARIA, QUOTIDIANA,  CONTINUA E COSTANTE DALL’ALBA ALLA MEZZANOTTE DI OGNI GIORNO.
VOGLIAMO DEDICARE QUESTA ASSIDUA MARATONA DI PREGHIERA AL NOSTRO CARISSIMO, AMICO E FRATELLO CARLO KUBISKIN DI IMOLA, FIGURA DALLO STRAORDINARIO SPIRITO DI FEDE, DI SPERANZA, DI CARITÀ E DI UMILTÀ, CERTI CHE ANCHE LUI, PREGHI CON NOI, DALLA GLORIA DEI CIELI, INSIEME A TUTTI I NOSTRI CARI DEFUNTI, CHE TANTO HANNO AMATO, SERVITO E SEGUITO L’UNITALSI, IERI, OGGI E SEMPRE.                                                                                                                                   Da più di un mese S.E. Monsignor Francesco Cavina e gli amici della sottosezione Unitalsi di Carpi sono stati pionieri, nello sperimentare e nel portare avanti questa nuova, ma pur sempre, sentita, unificatrice ed efficace, modalità di preghiera e di comunione associativa.
La nostra Presidente Regionale Anna Maria Barbolini, con grande entusiasmo, convincimento e prontezza ha quindi invitato tutte le sottosezioni dell’Emilia Romagna ad organizzarsi per pregare insieme, quotidianamente e costantemente, pensando in particolare, alle persone sole, fragili, diversamente abili, anziane e ammalate, che svolgendo un servizio di preghiera, continuano a sentirsi attive, vive, coinvolte, importanti e ad essere sempre il centro della vita associativa, della nostra grande famiglia dell’Unitalsi, nella quale tutti siamo Uniti nel Signore e con LUI riusciamo a ridurre ridurre e ad accorciare ogni distanza!

Vivere, ogni giorno, tutti insieme, l’oggi così uniti nella preghiera continua ci rende ancora di più dei testimoni credibili della presenza del Signore, Nostro, Gesù Cristo Risorto, che incontriamo sempre, comunque e dovunque nel prossimo.                                                                                                                         E’ la circolazione di questo Unico Amore Immenso, che ci fa sempre sentire pieni di gioia, di pace, di serenità e di speranza, perché LUI non ci abbandona mai, ci ama e ci è fedele sempre e sa sempre ciò che è meglio per noi e ciò di cui noi abbiamo bisogno.                                                                                                                                            Un grande  GRAZIE a tutti i volontari, a tutti i soci, a tutte le famiglie, le comunità e gli amici, delle sottosezioni perché pregano sempre con tanta costanza, tanto fervore, tanto entusiasmo e molto sentimento di gratitudine e di impegno, di partecipazione e di adesione all’Associazione Unitalsi                                                           Ringraziamo, Sempre il Signore Nostro, Gesù, Cristo, Risorto, perché per Intercessione Materna, della Beata Vergine Maria, Nostra Signora di Lourdes, ci apre e ci illumina sempre la strada!

Stefania Ferri

ANCHE QUESTO PUÒ’ ESSERE UN TEMPO DI GRAZIA

La testimonia di  Stefania Ferri, unitalsiana e ospite dell’Opera fondata da don Lolli
“Sto sperimentando che questo può essere anche un luogo di servizio e missione”.
Vivere la pandemia da un reparto di Santa Teresa? “Un tempo di Grazia”. Pensavamo di parlarvi di paura e fatica, del venerdì santo, e invece vi raccontiamo la storia di Stefania Ferri, giovane ospite di Santa Teresa, abita all’interno di casa San Giuseppe, la comunità che ospita anche i nostri sacerdoti, nel giorno di Pasqua. Perché di questo parla: di speranza, di forza, di Risurrezione, e della forza della preghiera.                                                                                                                                           Stefania è arrivata qui meno di un anno fa da Reggio Emilia, anche per i legami con l’Unitalsi Ravenna e con la sua presidente Patrizia Amici.                                                                                                       Ha una tetraparesi spastica dalla nascita, e ha scelto Santa Teresa per sperimentarsi nell’autonomia personale.                                                                                                                                                                 Attraverso vari pellegrinaggi e incontri formativi con l’Unitalsi, di cui fa parte, ha conosciuto Santa Teresa e ha valutato che fosse il luogo giusto nel quale fare questo passaggio, anche di vita spirituale: “il Crocefisso della chiesa maggiore mi ha toccato il cuore”, racconta.    E così via, è partita, ed è arrivata: da agosto dell’anno scorso è volontaria attiva qui nell’Unitalsi Ravenna, segue le lezioni della Scuola di formazione Teologica, e fa servizio anche in casa all’Opera Santa Teresa del Bambino Gesù.
Poi, da fine febbraio, la pandemia. “E’ un tempo di Grazia”, ci spiega, stupendoci.                                                  “Il fatto di continuare a vivere e a pregare insieme ci dà forza e speranza”.                                                                                Avendo dei sacerdoti all’interno del reparto, ogni giorno in casa San Giuseppe non è mai mancata la Santa Messa al mattino e la preghiera del Santo Rosario e del Vespro solo nella cappella interna del reparto e chiusa alle persone esterne alla casa, e si è intensificata la preghiera.                                                                                            “Ci siamo chiesti: cosa posso fare io per gli altri? E la risposta è stata: pregare per chi soffre più di noi. E quindi lo facciamo ogni giorno per chi è in prima linea, per chi è contagiato, per le famiglie che hanno avuto un lutto etc..”.                                                                                                        Non solo preghiera: Santa Teresa al tempo del Coronavirus, spiega Stefania, può essere anche il luogo del servizio e della missione. “Abbiamo ristretto le risorse che vengono da fuori per ridurre al massimo le possibilità di contagio – racconta Stefania –: e così abbiamo sempre più la possibilità di vivere come comunità. Questa situazione ci dà l’occasione di poter essere ancor di più amore gli uni per gli altri, e di sentire questo luogo come casa e luogo di missione”.                                        Certo, la mancanza di amici e parenti che venivano da fuori si sente, prosegue Stefania:  “Ma sono convinta, anche per formazione personale, che la preghiera sia il miglior farmaco anti-depressivo possibile.                                                                                                                                              E noi lo stiamo sperimentando”. Forse, non solo loro.
ARTICOLO TRATTO DA RISVEGLIO DUEMILA  DEL 17 APRILE 2020